Focus sugli agganci fiscali - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gestione contabile > Il piano dei conti

IL PIANO DEI CONTI

 
 

Focus sugli agganci fiscali

PREMESSA

Nel tutorial dedicato alle schede anagrafiche dei conti, hai potuto constare che ogni conto ha una propria scheda anagrafica, in cui vengono definiti alcuni parametri molto importanti. Tra questi, troviamo gli agganci fiscali.
A titolo di esempio, abbiamo preso la contabilità di un'impresa individuale, ed abbiamo constatato che il conto ACQUISTI DI MATERIE PRIME è agganciato al rigo RG15 del quadro RG. Detto altrimenti, nella compilazione di UNICO PF, gli acquisti di materie prime andranno a confluire nel quadro RG al rigo RG15.

 

Sicuramente, non ti è sfuggito che questo, come tutti gli altri agganci, riporta un doppio codice: prima codice del rigo del quadro fiscale (in questo esempio: RG15), viene visualizzato un altro codice che inizia con la lettera B (in questo esempio: BG110).
In questo tutorial, faremo chiarezza su questo aspetto.

01 - ANAGRAFICHE DEGLI SCHEMI FISCALI

Ogni schema fiscale (RG, RF, RE, etc.) ha una propria anagrafica, accessibile dal menu TUTTE LE ANAGRAFICHE della barra multifunzione.

A titolo di esempio, visualizziamo proprio l'anagrafica del quadro RG.

 

Come puoi osservare, ogni conto ha un doppio codice:

  • nella prima colonna troviamo un codice che identifica in modo univoco ciascun rigo (non possono esistere 2 righi con lo stesso codice). Il codice serve per l'aggancio al piano dei conti;

  • nella seconda colonna, invece, troviamo il codice del rigo previsto dal modello UNICO.

A titolo di esempio, prendiamo il rigo destinato a riepilogare gli acquisti di materie prime:

  • viene agganciato al piano dei conti tramite il codice univoco BG110;

  • i saldi dei conti ad esso agganciati verranno riepilogati nel quadro RG, al rigo RG15.

A questo punto, forse, ti starai chiedendo perché 2 codici. Non sarebbe bastato identificare ciascun rigo con un unico codice: quello della seconda colonna?
La risposta è NO. Purtroppo, il codice della seconda colonna può essere variabile di anno in anno. Ad esempio, in UNICO PF 2014 il rigo RG15 idendificava gli acquisti di materie prime, ma l'anno precedente, in UNICO PF 2013, gli acquisti di materie prime venivano identificati dal rigo RG13.
Pertanto, il codice della prima colonna rappresenta un "punto fisso", mentre il codice della seconda colonna è suscettibile di variazioni. Detto altrimenti, il codice della prima colonna rappresenta una sorta di perno: è il perno a cui agganciare i conti.

02 - IL CAMPO DI CUI

Nel paragrafo precedente, hai appreso che il codice della prima colonna è univoco e serve per l'aggancio al piano dei conti.
Anche il codice della seconda colonna è solitamente univoco, ma vi possono essere delle eccezioni. Infatti, in alcuni quadri, dei righi potrebbero articolarsi in più colonne. A titolo di esempio, prendiamo l'anagrafica del quadro F degli studi di settore.

 

Come puoi osservare il rigo F19 (spese per prestazioni di lavoro) prevede ben 4 di cui.
In totale, possiamo contare ben 5 righi con la seconda colonna valorizzata con F19 (mentre il codice della prima colonna è sempre diverso):

  • il rigo principale (B500);

  • 4 di cui (B510, B520, B530, B532).


Pertanto, è possibile che più righi riportino lo stesso valore nella seconda colonna, ma in questo caso:

  • in uno di essi il flag di DI CUI risulterà disattivato (campo principale);

  • in tutti gli altri, il flag DI CUI risulterà compilato, e risulterà valorizzato il campo NUMERO COLONNA.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu