Il caricamento dei fabbricati - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Adempimenti fiscali > La gestione degli immobili

GLI ADEMPIMENTI FISCALI

 
 
 

Il caricamento in anagrafica di fabbricati e terreni

PREMESSA

Con il software Blustring, sia per le aziende gestite, che per i soggetti collegati, è possibile caricare nelle rispettive anagrafiche i dati relativi ai fabbricati ed ai terreni posseduti.
Così, sarà possibile procedere:

  • Al calcolo dell'IMU e della TASI;

  • In sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, sarà possibile procedere alla compilazione automatica dei quadri RB, RA

01 - IL CARICAMENTO DEI FABBRICATI

Sia per le aziende gestite, che per i soggetti collegati, i dati relativi ai fabbricati vanno caricati nella scheda anagrafica del soggetto, alla sezione FABBRICATI.

Come puoi osservare dalla slide, per ogni fabbricato posseduto, occorre caricare un rigo nella sezione FABBRICATI.

02 - ITER OPERATIVO

In questo paragrafo, vedremo passo passo, come caricare in anagrafica un fabbricato.
Ipotizziamo, a titolo di esempio, che in data 14/11/2014, venga acquistato un appartamento nel comune di Corciano.
Si procede in 2 steps:

  • Caricamento dei dati essenziali del fabbricato;

  • Compilazione della scheda anagrafica del fabbricato.

03 - IL CARICAMENTO DEI DATI ESSENZIALI DEL FABBRICATO

Iniziamo inserendo un nuovo rigo nella sezione FABBRICATI. Qui occorre:

  • Digitare l'indirizzo del fabbricato;

  • Selezionare il comune (*). Il codice catastale verrà riportato automaticamente;

  • Digitare la rendita catastale (non rivalutata);

  • Inserire la data di acquisto.


(*) NOTA OPERATIVA: per selezionare il comune, occorre cliccare sull'icona raffigurante il binocolo. Così, verrà visualizzata l'anagrafica dei comuni, da cui sarà possibile selezionare il comune desiderato con un doppio click sul campo COMUNE.
Poiché i comuni italiani sono più di 8.000, ti consigliamo di sfruttare il campo di ricerca.

Nell'esempio riportato, per selezionare il comune di Corciano, abbiamo:

  • Cliccato sul binocolo per visualizzare l'anagrafica dei comuni;

  • Digitato CORCIANO nel campo di ricerca;

  • Cliccato sul pulsante CERCA;

  • Selezionato il comune di Corciano con un doppio click.


Fatto ciò, non resta che completare il rigo, inserendo la rendita catastale e la data di acquisto.
Infine, clicchiamo sil pulsante di dettaglio per aprire la scheda anagrafica del fabbricato.

04 - LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA ANAGRAFICA DEL FABBRICATO

La scheda anagrafica del fabbricato si compone di 2 macro sezioni, suddivise in sotto sezioni:

  • In alto, troviamo la macro sezione dei DATI GENERALI, che si compone di più sottosezioni: DATI CATASTALI, DATI IMU, DATI TASI, ALLEGATO

  • In basso, troviamo la macro sezione degli UTILIZZI, che si compone delle sottosezioni: UTILIZZI IRPEF, UTILIZZI IMU.


La compilazione della macro sezione dei DATI GENERALI è piuttosto intuitiva:

  • Nella sezione DATI CATASTALI, dobbiamo riportare i dati catastali dell'immobile;

  • Nella sezione DATI IMU, dobbiamo inserire il moltiplicatore, e le eventuali detrazioni IMU spettanti;

  • Nella sezione DATI TASI, dobbiamo inserire il moltiplicatore, e le eventuali detrazioni TASI spettanti;

  • Nella sezione ALLEGATO, è possibile selezionare un file da allegare. Ad esempio: una visuara catastale in formato PDF.

 

Nella sezione UTILIZZI, occorre specificare la destinazione d'uso del bene:

  • Ai fini IRPEF. La compilazione della sezione UTILIZZI IRPEF determinerà la compilazione del quadro RB;

  • Ai fini IMU. La compilazione della sezione UTILIZZI IMU sarà determinante per il calcolo dell'IMU.

Non è prevista una sezione TASI poiché la destinazione d'uso ai fini IMU viene utilizzata anche per il calcolo della TASI.

 

Nell'esempio riportato, vediamo come compilare la sezione UTILIZZI IRPEF, per un fabbricato:

  • Acquistato in data 14/11/14;

  • Adibito ad abitazione principale;

  • Posseduto al 100%

Come puoi osservare, il campo DATA FINALE non è stato compilato. Andrà compilato SOLAMENTE se, e quando, il fabbricato:

  • Verrà venduto;

  • Ne verrà modificata la destinazione d'uso;

  • Cambierà la quota di possesso.

 

Nell'esempio riportato, vediamo come compilare la sezione UTILIZZI IMU, per lo stesso fabbricato. Qui, occorre inserire:

  • Il mese e l'anno in cui è iniziato il possesso del bene;

  • La causale(*), che determinerà l'aliquota per il calcolo;

  • La percentuale di possesso;

  • Dei flags DETRAZIONE 1, DETRAZIONE 2, ce ne occuperemo più avanti.


Anche qui, i campi della sezione FINE PERIODO non sono stati compilati. Essi andranno compilati solo se, e quando, il fabbricato:

  • Verrà venduto;

  • Ne verrà modificata la destinazione d'uso;

  • Cambierà la quota di possesso.


(*) Nella compilazione della sezione UTILIZZI IMU, assume grande importanza il campo CAUSALE. In questo campo, occorre selezionare il codice della casistica appropriata. Nel tutorial precedente, abbiamo visto infatti, che per ogni comune gestito, occorre inserire tanti codici, quante sono le casistiche previste dalla delibera comunale.
Per selezionare la causale, consigliamo di cliccare sul binocolo, per aprire la scheda anagrafica del comune. Da questa, con un doppio click, sarà possibile selezionare il codice della casistica.

 

05 - IL CARICAMENTO DI VARIAZIONI RELATIVE AL FABBRICATO

Nel paragrafo precedente, abbiamo visto come caricare in anagrafica un fabbricato. Può capitare, che ad un certo punto, il bene venga venduto, oppure ne venga modificata la destinazione d'uso.
Se ciò dovesse verificarsi, occorre:

  • Completare il rigo delle sezioni UTILIZZI IRPEF, UTILIZZI IMU, inserendo rispettivamente la DATA FINALE, ed il PERIODO FINALE;

  • Inserire, in entrambe le sezioni, un nuovo rigo relativo alla variazione intervenuta.

Ipotizziamo, a titolo di esempio, che in data 05/05/15, il bene vega affittato.

 
 

Ovviamente, nei righi inseriti, i campi DATA FINALE e FINE PERIODO non andranno compilati fino a quando (eventualmente), dovesse verificarsi una nuova variazione.

06 - L'ATTRIBUZIONE DELLA DETRAZIONE

Affinché il calcolo dell'IMU avvenga correttamente, è necessario specificare l'ammontare di eventuali detrazioni spettanti.
Putroppo, il legislatore nazionale ha dato un'eccessiva libertà ai comuni, che possono attribuire liberamente delle detrazioni.
Poiché i comuni italiani sono oltre 8000, e ciascuno di essi stabilisce le detrazioni con criteri diversi (es: valore catastale dell’immobile, reddito del contribuente, figli a carico, altri familiari a carico, figli conviventi, etc.), è impossibile realizzare una procedura che esegua automaticamente il calcolo delle detrazioni.
Pertanto, l'importo dell'eventuale detrazione spettante va inserito manualmente.
Normalmente, viene riconosciuta una detrazione di 200,00€ per la prima casa.

 

Come avrai sicuramente notato, è possibile inserire fino a 2 diverse detrazioni:

  • L'importo eventualmente inserito nel campo DETRAZIONE I verrà ragguagliato alla percentuale di possesso;

  • L'importo eventualmente inserito nel campo DETRAZIONE II NON verrà ragguagliato alla percentuale di possesso.


ATTENZIONE: Nel caso in cui dovessero spettare delle detrazioni, oltre ad inserire l'importo, nella sezione UTILIZZI IMU occorre attivare gli appositi flags.

 

07 - NON DIMENTICHIAMO IL MOLTIPLICATORE...

Forse è superfluo ricordarlo, ma se omesso il calcolo dell'IMU darà come risultato 0.
Per ogni fabbricato, occorre specificare il moltiplicatore da utilizzare per la determinazione della base imponibile. Nella generalità dei casi, il moltiplicatore è uguale a 160.

 

08 - IL CARICAMENTO DEI TERRENI

Sia per le aziende gestite, che per i soggetti collegati, i dati relativi ai terreni vanno caricati nella scheda anagrafica del soggetto, alla sezione TERRENI.

La logica di funzionamento è analoga a quella della sezione fabbricati.
Ovviamente, anziché la rendita catastale, per i terreni occorre specificare il reddito dominicale ed il reddito agrario.
Inoltre, per i terreni edificabili, alla sezione IMU della scheda anagrafica del terreno, è possibile specificare il valore venale.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu