La gestione dello scadenzario - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gestione contabile > Il caricamento delle registrazioni contabili > La procedura FATTURE FORNITORI

La procedura FATTURE FORNITORI

 
 

La gestione dello scadenzario fornitori

PREMESSA

A differenza di quanto avviene con la maggior parte dei programmi rivolti ai commercialisti, con il software Blustring è possibile (non obbligatorio) gestire lo scadenzario clienti/fornitori.
In questo tutorial, vedremo come caricare le registrazioni delle fatture di acquisto gestendo anche le scadenze di pagamento.

01 - LA REGISTRAZIONE DI UNA FATTURA SENZA LA GESTIONE DELLO SCADENZARIO

Come anticipato, la gestione dello scadenzario è facoltativa. Se non sei interessato a gestirlo, al momento della compilazione del campo SCADENZA, puoi accettare il valore proposto di default, cioè la scadenza a VISTA. I due campi successivi (MODALITA' DI PAGAMENTO, e CONTO DI PAGAMENTO) possono essere ignorati, e lasciati vuoti.

 

02 - LA REGISTRAZIONE DI UNA FATTURA CON LA GESTIONE DELLO SCADENZARIO

Invece, se desideri gestire lo scarenzario, allora nel campo SCADENZA dovrai selezionare la voce più opportuna.

 

Nell'esempio riportato, puoi osservare la registrazione di una fattura scadente a 30/60/90 gg fine mese.
La compilazione dei due campi successivi è auspicabile, ma SEMPRE facoltativa:

  • il campo MODALITA' DI PAGAMENTO riporta la modalità prevista per il pagamento (nell'esempio: bonifico);

  • il campo CONTO DI PAGAMENTO PREVISTO riporta il codice del conto con cui prevediamo di pagare la fattura (nell'esempio: UNIC - BANCA UNICREDIT).

03 - LA VISUALIZZAZIONE DELLE SCADENZE

Dopo aver impostato i campi relativi alle condizioni di pagamento, se vuoi, dalla sezione SCADENZE puoi visualizzare le scadenze della fattura.

 

04 - LA MODIFICA DELLE SCADENZE

Compilando i campi relativi alle condizioni di pagamento, la procedura imposta automaticamente le scadenze della fattura. Ovviamente, è possibile impostare automaticamente solamente le scadenze standardizzate, come ad esempio: scadenza a vista, scadenza a 30 giorni, scadenza a 30/60 giorni, etc.
Talvolta però, capita che la fattura debba essere pagata secondo modalità particolari, non standardizzate. In queste circostanze, è possibile intervenire manualmente per modificare le scadenze impostate dal programma.

1/2  CLICK SU MODIFICA SCADENZE

Per modificare manualmente le scadenze, dalla sezione SCADENZE, devi cliccare sul pulsante MODIFICA SCADENZE.




Clicca sull'immagine se desideri ingrandirla

 

05 - LA PERSONALIZZAZIONE DELL'ANAGRAFICA SCADENZE

Se ritieni troppo "povera" l'anagrafica scadenze, puoi anche personalizzarla, aggiungendo altre scadenze standardizzate.



1/2  ACCESSO ALLA ANAGRAFICA SCADENZE


Come primo passo, devi enrare nell'anagrafica scadenze. Puoi farlo dal menu principale dell'applicativo, selezionando il comando SCADENZE collocato nella scheda TUTTE LE ANAGRAFICHE della barra multifunzione.

Clicca sull'immagine se desideri ingrandirla

 

06 - FOCUS SULL'ANAGRAFICA SCADENZE

Nel paragrafo precedente, ti è stato illustrato l'iter da seguire per inserire in anagrafica una nuova scadenza. In questo paragrafo, ti verrà fornita una spiegazione sul contenuto dei campi.

 
  • Il campo CODICE riporta il codice univoco (alfanumerico) che identifica ogni scadenza. E' bene che il campo con contenga spazi e che non può superare gli 11 caratteri.

  • Il campo DESCRIZIONE riporta una breve descrizione della scadenza.

  • Il campo DATA PARTENZA è la base per il conteggio, e può assumere i valori DATA FATTURA, o FINE MESE.

  • Il campo NUMERO RATE riporta il numero di rate della scadenza. Ad esempio, per la scadenza 60FM riporta il valore 1 (unica rata). Invece per la scadenza 60/90FM riporta il valore 2 (2 rate).

  • Il campo INTERVALLO riporta il numero di mesi che devono intercorrere tra la DATA DI PARTENZA e la prima (o l'unica) rata. Ad esempio, per la scadenza 60/90FM riporta il valore 2 poiché tra la fine del mese e la prima rata devono intercorrere 2 mesi (60 giorni).

  • il campo ORDINAMENTO serve semplicemente per stabilire in quale ordine devono essere visualizzate le scadenze.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu