La liquidazione in presenza di fatture con IVA per cassa - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gestione contabile > Il caricamento delle registrazioni contabili > La liquidazione IVA > Casistiche IVA particolari

LA LIQUIDAZIONE IVA

 
 
 

La liquidazione in presenza di fatture con IVA per cassa

PREMESSA
Qualora nel periodo di liquidazione siano state registrate delle fatture con IVA differita, oppure siano stati registrati incassi/pagamenti per fatture con IVA differita precedentemente emesse/ricevute, occorre adottare un piccolo accorgimento in sede di liquidazione IVA.

01 - ATTENZIONE ALL'OPZIONE TIPOLOGIA DI REGISTRAZIONE
Nel caso in cui si debba tener conto dell'IVA differita, occorre impostare diversamente la scrittura di giroconto in contabilità generale.
Operativamente, cambia pochissimo: in fase di generazione della liquidazione IVA, occorre impostare l'opzione TIPOLOGIA DI REGISTRAZIONE in REGISTRAZIONE ANALITICA.

 

02 - EFFETTI
Vediamo come vengono impostate le scritture di giroconto quando viene selezionata l'opzione REGISTRAZIONE ANALITICA. Attivando l'opzione in oggetto, vengono redatte 4 registrazioni contabili, vediamo perché.

Ipotizziamo, a titolo di esempio, che nel I trimestre 2014, venga emessa una fattura con IVA differita per 110,00€.
Ipotizziamo, altresì, che vengano:

  • Pagate fatture con IVA differita pari a 200,00€;

  • Incassate fatture con IVA differita pari a 900,00€.


Al momento della registrazione,
per TUTTE le fatture emesse, viene movimentato il conto IVA SULLE VENDITE.
In sede di liquidazione IVA, il conto IVA SULLE VENDITE viene girocontato:

  • Al conto ERARIO C/IVA per le fatture con IVA immediata;

  • Al conto IVA SOSPESA SULLE VENDITE per le fatture con IVA PER CASSA.

 

Per le fatture di acquisto, viene redatta una scrittura analoga.

Al momento della registrazione, per TUTTE le fatture ricevute, viene movimentato il conto IVA SUGLI ACQUISTI.
In sede di liquidazione IVA, il conto IVA SUGLI ACQUISTI viene girocontato:

  • Al conto ERARIO C/IVA per le fatture con IVA immediata;

  • Al conto IVA SOSPESA SUGLI ACQUISTI per le fatture con IVA PER CASSA.

 

L'IVA sui corrispettivi viene interamente girocontata al conto ERARIO C/IVA.

 

Infine, vengono rilevati gli importi:

  • Dell'IVA sospesa sugli acquisti pagata nel periodo di liquidazione;

  • Dell'IVA sospesa sulle vendite incassata nel periodo di liquidazione.

Così, l'IVA divenuta esigibile (o detraibile) nel periodo di liquidazione viene girocontata al conto ERARIO C/IVA.

 

Alla fine, il risultato ottenuto con le 4 registrazioni appena illustrate sarà il seguente:

  • I saldi dei conti IVA SU ACQUISTI, IVA SULLE VENDITE, IVA CORRISPETTIVI risulteranno azzerati. Infatti, vengono girocontati al conto ERARIO C/IVA (per l'IVA immediatamente esigibile/detraibile), ed ai conti IVA SOSPESA (per l'IVA differita);

  • Il saldo del conto IVA SOSPESA SUGLI ACQUISTI risulterà incrementato per le fatture con IVA differita ricevute nel periodo, e decrementato per le fatture con IVA differita pagate nel periodo. Il saldo sarà pari all'ammontare dell'IVA esposta dalle fatture ricevute con IVA differita, ma non ancora pagate;

  • Il saldo del conto IVA SOSPESA SULLE VENDITE risulterà incrementato per le fatture con IVA differita emesse nel periodo, e decrementato per le fatture con IVA differita incassate nel periodo. Il saldo sarà pari all'ammontare dell'IVA esposta dalle fatture emesse con IVA differita, ma non ancora incassate;

  • Il saldo del conto ERARIO C/IVA, come al solito, sarà pari all'importo dell'IVA dovuta.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu