La nota integrativa - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Bilancio CEE

IL BILANCIO CEE

 
 
 

La compilazione della nota integrativa

PREMESSA

All'interno del fascicolo di bilancio è ricompresa anche la nota integrativa.
Come noto, a differenza di quanto avviene per lo stato patrimoniale ed il conto economico, non deve essere inviata in formato XBRL, ma deve essere depositata in formato PDF.

01 - LA VISUALIZZAZIONE DELLA NOTA INTEGRATIVA

Per visualizzare la nota integrativa, occorre cliccare sul comando NOTA INTEGRATIVA.

 

Così, accederai alla sezione per la gestione della nota integrativa.

 

Come puoi osservare, anche questa sezione dell'applicativo ha un proprio MENU.
I comandi collocati nel menu della NOTA INTEGRATIVA servono essenzialmente per agevolare le operazioni di modifica manuale della nota integrativa. Come avviene in tutti i programmi, infatti (e non potrebbe essere diversamente), prima di effettuare il deposito della nota integrativa, occorre sicuramente qualche intervento manuale.
Per fortuna, poiché il fascicolo di bilancio generato da Blustring è un file Excel, sarà facile apportare modifiche e/o integrazioni.

02 - LA COMPILAZIONE AUTOMATICA DEI TESTI

Come noto, la nota integrativa si compone di testi e tabelle.
Come operazione preliminare, ti consigliamo di utilizzare la procedura per la
compilazione INTELLIGENTE dei testi:

  • Devi selezionare un testo qualunque (ad esempio: la premessa);

  • Poi, dovrai cliccare sul comando GESTIONE TESTI;

  • Così, si aprirà una finestra di dialogo che si compone di 2 sezioni: GESTIONE MANUALE, e GESTIONE AUTOMATICA. Dalla sezione GESTIONE AUTOMATICA, devi cliccare sui pulsanti di sinistra.

 

Così, i testi della nota integrativa verranno compilati in modo INTELLIGENTE.
Ad esempio, se in bilancio non sono presenti immobilizzazioni immateriali, il testo proposto di default verrà sostituito dal seguente: "In bilancio non sono iscritte immobilizzazioni immateriali".

 

03 - LA CORREZIONE DEI TESTI

La nota integrativa è un documento molto articolato che si compone di testi e tabelle. Iniziamo a vedere come operare per modificare manualmente i testi.
Per modificare i testi, consigliamo di:

  • Selezionare il testo desiderato;

  • Cliccare sul comando GESTIONE TESTI.

 

Nella finestra di dialogo puoi:

  • Correggere il testo;

  • Digitare altro testo;

  • Incollare testo precedentemente copiato da un altro documento, premendo CRTL + V;

  • Visualizzare testi alternativi, cliccando sul pulsante VISUALIZZA;

  • Eliminare il testo.

Completata l'operazione, se desideri salvare le modifiche apportate, devi cliccare sul comando CHIUDI (SALVANDO LE MODIFICHE APPORTATE).
Altrimenti, se desideri NON salvare le modifiche apportate, devi cliccare su CHIUDI (SENZA SALVARE).
Se invece desideri eliminare completamente il rigo selezionato, devi cliccare su ELIMINA IL RIGO SELEZIONATO.

04 - LA CORREZIONE DELLE TABELLE

Grazie ai comandi disponibili, è possibile modificare agevolmente la struttura ed il contenuto delle tabelle. Infatti, cliccando sul comando GESTIONE TABELLE, puoi:

  • Inserire righi nelle tabelle;

  • Unire le celle di una tabella;

  • Eliminare i rigli delle tabelle;

  • Dividere la cella di una tabella in pù sezioni;

  • Eliminare la sezione DETTAGLIO di una tabella;

  • Eliminare un'intera tabella.

 

05 - L'INSERIMENTO DI UNA NUOVA TABELLA

Se vuoi, puoi anche inserire una tabella vuota, per poi compilarla manualmente. Se desideri eseguire questa operazione, devi:

  • Selezionare uno spazio bianco;

  • Cliccare sul comando GESTIONE TABELLE;

  • Dalla sezione INSERISCI TABELLA, devi impostare i parametri richiesti (digitando il numero desiderato di righi e colonne), e cliccare sul comando NUOVA TABELLA.

 

06 - LA CREAZIONE DEL FILE PDF

Ultimata la nota integrativa, per poterla depositare, devi generare un file in formato PDF.
Per eseguire questa operazione, vi sono varie soluzioni. Noi consigliamo di procedere nel seguente modo:

  • Dalla sezione NOTA INTEGRATIVA, clicca sul comando FILE della cartella di lavoro;

  • Quindi, seleziona l'opzione SALVA CON NOME, scegliendo di salvare in formato PDF.

 
 

ATTENZIONE: se devi salvare in formato PDF/A, devi cliccare sul pulsante OPZIONI, ed attivare il flag CONFORME AD ISO 19005 - 1 (PDF/A).

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu