La rilevazione delle rettifiche - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Adempimenti fiscali > Casistiche reddituali

GLI ADEMPIMENTI FISCALI

 
 
 

La rilevazione delle rettifiche fiscali

PREMESSA
Alla chiusura dell'esercizio, prima di procedere con la predisposizione delle dichiarazioni fiscali, occorre rilevare le rettifiche fiscali extracontabili.
Ovviamente, le rettifiche operate non avranno alcun riflesso contabile: non compariranno né nei libri contabili, né in bilancio, ma ESCLUSIVAMENTE nelle simulazioni dei quadri fiscali.

01 - DATI DI ESEMPIO

Ipotizziamo, a titolo di esempio, che nel conto economico dell'esercizio 2013 vi siano le seguenti voci:

  • Spese di manutenzione: 7.000,00€;

  • Spese di rappresentanza: 5.000,00€;

  • Comensi agi amministratori (non ancora pagati): 10.000,00€;

  • Plusvalenze: 8.000,00€.

Inoltre, ipotizziamo che:

  • I ricavi ammontino a 300.00,00€;

  • Il valolore dei beni strumentali all'inizio dell'esercizio sia pari a 100.000,00€.

02 - CALCOLO DELLE RETTIFICHE EXTRACONTABILI

Sebbene il software effettuerà automaticamente il calcolo delle rettifiche extracontabili, è bene avere cognizione di causa.

SPESE DI MANUTENZIONE
Fiscalmente, nell'esercizio in cui sono sostenute, sono deducibili nel limite del 5% del costo complessivo di tutti i beni materiali ammortizzabili quale risulta all'inizio dell'esercizio dal registro dei beni ammortizzabili. L'eventuale eccedenza è deducibile per quote costanti nei 5 esercizi successivi.
Dati di partenza:

  • Costo sostenuto: 7.000,00

  • Valore dei beni strumentali: 100.000,00

Calcoli:

  • Plafond di deducibilità per il primo esercizio: 100.000 X 5% = 5.000,00

  • Eventuale eccedenza: 7.000,00 - 5.000,00 = 2.000,00

  • Ripartizione eccedenza: 2.000,00 / 5 = 400,00. Negli esercizi dal 2014 al 2018, ogni esercizio verrà portata in deduzione una quota delle spese di manutenzione sostenute nel 2013, pari a: 400,00€


SPESE DI RAPPRESENTANZA
Essendo i ricavi inferiori a 10.000.000, le spese di rappresentanza sono deducibile della misura del 1,3% dei ricavi.
Dati di partenza:

  • Costo sostenuto: 5.000,00;

  • Ricavi: 300.000,00.

Calcoli:

  • Plafond di deducibilità: 300.000,00 X 1,3% = 3.900,00;

  • Costo deducibile: 3.900,00;

  • Costo indeducibile: 5.000,00 - 3.900,00 = 1.100,00.


COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI

I compensi agli amministratori non sono deducibili nell'esercizio di competenza, ma nell'esercizio in cui vengono effettivamente pagati.
Ipotizziamo che i compensi di competenza 2013 vengano pagati nell'esercizio successivo.
Dati di partenza:

  • Costo sostenuto: 10.000,00.

Calcoli:

  • Costo deducibile nel 2013: 0;

  • Costo deducibile negli esercizi successivi: 10.000,00


PLUSVALENZE
Le plusvalenze possono essere ripartite fino a 5 anni.
Ipotizziamo di volerle ripartire in 4 anni.
Dati di partenza:

  • Provento conseguoto: 8.000,00

Calcoli:

  • Imputazione annuale: 8.000,00 / 4 = 2.000,00.

03 - PROCEDURA OPERATIVA

Come anticipato, i calcoli riportati nel paragrafo precedente, possono essere eseguiti in modo automatizzato: vediamo come.
Dal menu GESTIONI FISCALI, selezioniamo il comando RETTIFICHE EXTRACONTABILI.

 

Si aprirà la procedura per la gestione delle rettifiche extracontabili.
Clicchiamo sul comando CARICAMENTO AUTOMATICO.

 

Ora, siamo pronti per procedere con la rilevazione.
Come operazione preliminare, occorre:

  • Impostare l'esercizio di riferimento. Nel nostro esempio: 2013;

  • Cliccare sul pulsante: CALCOLO AUTOMATICO VALORI DA RIPORTARE.

Così, dalla contabilità, verranno estrapolati i valori necessari per le rettifiche extracontabili.
Consigliamo di verificarli, ed in caso di necessità, è ovviamente possibile modificare manualmente i valori proposti dalla procedura.

Prima di andare oltre, consigliamo di verificare anche i dati importati nella sezione PARAMETRI DI CALCOLO, ed in caso di necessità, di modificarli.

 

Completate le operazioni di verifica, torniamo nella sezione RETTIFICHE PER IMPRESE, e clicchiamo sul comando CALCOLA LE RETTIFICHE FISCALI PER IL PERIODO CONSIDERATO.

 

Le rettifiche fiscali extracontabili sono state generate.
Clicchiamo sul pulsante TORNA ALLA GESTIONE MANIUALE per visualizzare gli effetti prodotti dalla procedura appena eseguita.

Come possiamo osservare, sono state generate delle rettifiche per l'anno in chiusura, e per gli esercizi successivi.

Per il 2013:

  • Per le spese di manutenzione, è stata generata una DIFFERENZA PASSIVA TEMPORANEA per la quota deducibile negli esercizi successivi;

  • Per le spese di rappresentanza, è stata generata una DIFFERENZA PASSIVA DEFINITIVA per la quota indeducibile;

  • Per i compensi agli amministratori, è stata generata una DIFFERENZA PASSIVA TEMPORANEA pari all'intero compenso, che potrà essere dedotto nell'esercizio successivo;

  • Per le plusvalenze, sono state generate 2 rettifiche: una RETTIFICA ATTIVA TEMPORANEA pari all'intero ammoantare delle plusvalenze; un'ASSORBIMENTO pari alla quota deducibile nell'esercizio.


Per il 2014:

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per la quota deducibile delle spese di manutenzione;

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per la deduzione dei compensi agli amministratori;

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per il riporto della quota della plusvalenza.


Per il 2015:

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per la quota deducibile delle spese di manutenzione;

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per il riporto della quota della plusvalenza.


Per il 2016:

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per la quota deducibile delle spese di manutenzione;

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per il riporto della quota della plusvalenza.


Per il 2017:

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per la quota deducibile delle spese di manutenzione;


Per il 2018:

  • E' stato generato un ASSORBIMENTO per la quota deducibile delle spese di manutenzione;

04 - LA MODIFICA MANUALE

In caso di necessità, le rettifiche extracontabili possono essere modificate manualmente. E' sufficiente:

  • Cliccare sul corrispondente pulsante di dettaglio corrispondente alla rettifica da modificare;

  • Apportare le opportune variazioni nella scheda di dettaglio.

Ad esempio, se per qualsiasi motivo, desiderassimo modificare la rettifica del 2014 relativa ai compensi pagati agli amministratori dovremmo cliccare sul pulsante di dettaglio corrispondente.

Quindi, dalla scheda di dettaglio, potremmo:

  • Modificare la rettifica;

  • Oppure, eliminarla.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu