Le schede anagrafiche (2) - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gestione contabile > Il piano dei conti

IL PIANO DEI CONTI

 
 

Le schede anagrafiche dei conti (Parte II)

05 - AGGANCI FISCALI PER IMPRESE

Nella sezione AGGANCI FISCALI PER IMPRESE troviamo le informazioni rilevanti per la determinazione del reddito dei contribuenti che producono REDDITO DI IMPRESA. Le informazioni sono raggruppate in 2 sottosezioni:

  • le percentuali di deducibilità ai fini IRPEF / IRAP

  • gli agganci ai quadri fiscali (RG, RF, IRAP).

A titolo di esempio, abbiamo preso la contabilità di un'azienda individuale, ed abbiamo visualizzato la scheda del conto ACQUISTI DI MATERIE PRIME. Basta un colpo d'occhio per notare che:

  • il costo è deducibile al 100% ai fini IRPEF;

  • il costo è deducibile al 100% ai fini IRAP;

Più in basso, troviamo gli agganci ad UNICO PF 2014:

  • Se il contribuente è in regime di contabilità semplificata, i costi registrati utilizzando il conto selezionato verranno riepilogati nel quadro RG, al rigo RG15.

  • Se il contribuente è in regime di contabilità ordinaria, essendo il costo deducibile al 100%, non verrà effettuata alcuna ripresa fiscale nel quadro RF.

Nella dichiarazione IRAP, i costi registrati con il conto selezionato, verranno riepilogati al rigo IQ05.

Se desideri maggiori dettagli sulla gestione degli agganci fiscali, potrai trovare degli interessanti approfondimenti nel FOCUS SUGLI AGGANCI FISCALI.

06 - AGGANCI FISCALI PER I PROFESSIONISTI

Nella sezione AGGANCI FISCALI PER PROFESSIONISTI troviamo le informazioni necessarie per la determinazione del reddito dei contribuenti che producono redditi da lavoro autonomo, e che come tali, devono compilare il quadro RE.
Anche qui, l
e informazioni sono raggruppate in 2 sottosezioni:

  • le percentuali di deducibilità ai fini IRPEF;

  • gli agganci ai quadri fiscali (RE).

A titolo di esempio, abbiamo preso la contabilità di professionista, ed abbiamo visualizzato la scheda del conto CONSULENZE TECNICHE. Basta un colpo d'occhio per notare che il costo è deducibile al 100% ai fini IRPEF.
Più in basso, troviamo gli agganci ad UNICO PF 2014: i costi registrati utilizzando il conto selezionato verranno riepilogati nel quadro RE, al rigo RE12.

Sicuramente, hai notato la presenza del flag IMPONIBILE / DEDUCIBILE PER CASSA. Come sai, per i professionisti vige il criterio generale della determinazione del reddito per cassa. L'attivizazione del flag rende i costi registrati deducibile solamente al momento del pagamento della fattura. Detto altrimenti, per i professionisti, affinché un costo venga dedotto, non è sufficiente che venga registrata la fattura, ma occorre che venga registrato anche il pagamento di quest'ultima.
Non tutti i costi sono deducibili per cassa, alcuni lo sono per competenza. Sono deducibili per competenza:

  • le quote di ammortamento;

  • i canoni di leasing;

  • le quote TFR.

Se aprissi la scheda anagrafica di un conto deducibile per competenza, troveresti il flag iMPONIBILE / DEDUCIBILE PER CASSA disattivato.

A titolo di esempio, abbiamo preso la scheda anagrafica del conto AMMORTAMENTO MACCHINE DA UFFICIO ELETTRONICHE. Poiché le quote di ammortamento sono costi deducibili per competenza, il flag è disattivato.

07 - STUDI DI SETTORE

Nella sezione STUDI DI SETTORE troviamo gli agganci per la compilazione del quadro dei dati contabili degli studi di settore. Pertanto:

  • per i percettori di reddito di impresa, troveremo l'aggancio al quadro F;

  • per i percettori di reddito da lavoro autonomo (professionisti), troveremo l'aggancio al quadro G.

A titolo di esempio, abbiamo preso la contabilità di un percettore di reddito di impresa, ed abbiamo visualizzato la scheda del conto ACQUISTI DI MATERIE PRIME. Gli acquisti di materie prime verranno riclassificati nel rigo F14.

08 - DATI DI BILANCIO

La sezione DATI DI BILANCIO, di fatto, assume rilevanza solamente per i conti delle imprese in contabilità ordinaria. Come noto, infatti, oltre al quadro per la detederminazione del reddito (quadro RF), le imprese in contabilità ordinaria devono riportare in un apposito prospetto del modello UNICO una riclassificazione dei dati di bilancio.

A titolo di esempio, abbiamo preso la contabilità di un'impresa individuale in regime di contabilità ordinaria, ed abbiamo visualizzato la scheda del conto MACCHINARI E MACCHINE OPERATRICI.

09 - BILANCIO CEE E RENDICONTO

Come noto, le società di capitali devono redigere il bilancio secondo lo schema previsto dagli artt. 2424 (stato patrimoniale), 2425 (conto economico),  2427 (nota integrativa) del codice civile, che per semplicità espositiva, chiameremo BILANCIO CEE (poiché con i citati articoli è stata recepita la IV direttiva CEE).
In questa sezione, troviamo gli agganci che consentono al programma di predisporre il bilancio CEE in modo completamente automatico.

Ogni conto, infatti, è agganciato allo schema di bilancio CEE. Così, ogni volta che viene movimentato un conto, si andranno a modificare i saldi del bilancio "tradizionale", e di riflesso, andranno a modificarsi anche i saldi del bilancio CEE.
Come hai sicuramente notato, l'aggancio allo schema di bilancio CEE è duplice.
Infatti, per la corretta predisposizione del bilancio in IV direttiva CEE, alcuni conti devono essere riclassificati diversamente in funzione del segno del saldo. Nell'esempio riportato, puoi osservare la scheda del conto BANCA:

  • in caso di saldo positivo (saldo in DARE), verrà incrementato il saldo delle disponibilità liquide;

  • in caso di saldo negativo (saldo in AVERE), verrà incrementato il saldo dei debiti verso le banche.

Data l'importanza, l'argomento è stato sviluppato nel FOCUS SULLO SCHEMA DI BILANCIO CEE.

In questa sezione, troviamo anche l'aggancio allo schema di rendiconto finanziario. Si tratta di una riclassificazione molto particolare, che verrà trattata da da un apposito tutorial.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu