Lo spesometro - Software per commercialisti Blustring - Visual Help

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Adempimenti fiscali > Altri adempimenti

GLI ADEMPIMENTI FISCALI

 
 
 

Lo spesometro

PREMESSA

Come noto, l’Agenzia delle Entrate ha reintrodotto l’obbligo della comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA, meglio conosciuta come SPESOMETRO.
Per “semplificare”, hanno pensato bene di stravolgere il vecchio modello, introducendone uno completamente nuovo, composto da ben 12 quadri! Lo hanno chiamato MODELLO POLIVALENTE poiché servirà per comunicare anche:

  • le operazioni effettuate con i soggetti residenti in paesi a fiscalità privilegiata (BLACK LIST);

  • gli acquisti da operatori della Repubblica di S. Marino;

  • le operazioni legate al turismo.

Si tratta, evidentemente, dell’ennesimo fardello burocratico sulle spalle del contribuente.
Difronte a questo nuovo modello, molti commercialisti e contribuenti si sono fatti prendere dal panico, sollevando i dubbi interpretativi più svariati.
In realtà, si tratta di un adempimento assolutamente sopravvalutato che porterà ad accertamenti solo in situazioni estreme. Detto altrimenti, la comunicazione va fatta al meglio ed inviata nei termini per non incorrere in sanzioni, ma è inutile perderci troppo tempo, magari chiedendosi come vada riportata un’operazione di poche centinaia di euro.
Nei prossimi paragrafi, vedremo come predisporre la comunicazione con il software Blustring.

01 - PROCEDURA OPERATIVA

Con Blustring, puoi predisporre lo spesometro in una manciata di secondi.
Dal menu GESTIONI FISCALI, selezioniamo il comando SPESOMETRO.

 

Si apre la procedura per la predisposizione della comunicazione.
Per impostazione predefinita, vengono proposte le opzioni che, verosimilmente, andranno utilizzate nella stragrande maggioranza dei casi. Viene proposto, infatti, di compilare lo spesometro in forma aggregata, con il solo quadro FA. Ovviamente, in caso di necessità, è possibile modificare i valori proposti di default.
Pertanto, per procedere con la generazione del file telematico, non dovremo fare altro che compilare il campo NOME DA ASSEGNARE AL FILE TELEMATICO, digitando il nome che desideriamo assegnare al file, e cliccare sul pulsante GENERA FILE TELEMATICO.
Il file telematico da inviare verrà collocato nella cartella C:\Blustring_Filescreati, e potrà essere inviato:

  • Tramite intermediario abilitato (con ENTRATEL);

  • Oppure, direttamente dal contribuente (con FILEINTERNET).

02 - LA VERIFICA DEI DATI RIPORTATI NEL QUADRO FA

Come hai potuto constatare la procedura di Blustring per lo spesometro è davvero efficiente: ti consente di predisporlo in pochissimi secondi!
Se desideri verificare quali operazioni vengono riportate nel file telematico, non devi fare altro che accedere all’apposita sezione ed eseguire la stampa di verifica.
Ad esempio, per verificare quali fatture vengono riportate nel quadro FA, devi semplicemente accedere alla sezione FA, e cliccare sul pulsante STAMPA DI VERIFICA QUADRO FA.

Nel quadro FA, vengono automaticamente riepilogate:

  • le fatture di vendita emesse nel periodo di riferimento;

  • le note di variazione emesse nel periodo di riferimento;

  • le fatture di acquisto ricevute nel periodo di riferimento;

  • le note di variazione ricevute nel periodo di riferimento;

ATTENZIONE: Per i soggetti residenti in Italia, è necessario che nella scheda anagrafica, sia indicato il codice fiscale, o la partita IVA (o entrambi), e che i dati riportati siano formalmente corretti.

Vengono automaticamente escluse:

  • le fatture e le note di variazione emesse, o ricevute, a/da clienti/fornitori nella cui scheda anagrafica risulti attivo il flag: SPESOMETRO – OPERAZIONI QUADRI: BL, FN, SE, TU;

  • le fatture e le note di variazione emesse, o ricevute, a/da clienti/fornitori nella cui scheda anagrafica risulti attivo il flag: SPESOMETRO – ESCLUDI SEMPRE DALLA COMUNICAZIONE;

  • le fatture e le note di variazione registrate in registri IVA fittizi;

  • le fatture, nella cui maschera di registrazione risulti attivato il flag: ESCLUDI IN OGNI CASO DALLO SPESOMETRO.

03 - LE OPERAZIONI RIPORTATE NEL QUADRO SA

Come noto, il quadro SA va compilato se sono stati incassati corrispettivi di importo uguale, o superiore a 3.600 €.
Detto altrimenti, affinché un corrispettivo venga riportato nel quadro SA, è necessario che:

  • l’importo (al lordo dell’IVA) sia maggiore (o uguale) di 3.600,00 EURO;

  • venga selezionato il cliente, cliccando sul comando SCHEDA.

Cliccando sul comando SCHEDA (a destra), si apre una maschera di dettaglio, in cui è possibile selezionare il cliente.

04 - LE OPERAZIONI RIPORTATE NEL QUADRO BL

Nel quadro BL vengono riepilogate le fatture dei soggetti non residenti in Italia, purché la scheda anagrafica del soggetto contenga tutte le informazioni richieste dal modello di comunicazione.
Ipotizziamo, a titolo di esempio, di dover includere nel quadro BL le fatture di un fornitore straniero. Affinché queste vengano riepilogate nel quadro BL è necessario che nella scheda anagrafica del fornitore:

  • risulti attivo il flag: SPESOMETRO - Operazioni da riportare nei quadri BL, FN, SE, TU;

  • risulti compilata la sezione SPESOMETRO.

La compilazione dei campi è piuttosto intuitiva. Tuttavia vale la pena evidenziare che:

  • nel campo PROVINCIA, occorre digitare EE;

  • occorre attivare il flag BL, ed impostare il campo TIPOLOGIA.

05 - LE OPERAZIONI RIPORTATE NEL QUADRO TU

Valgono considerazioni analoghe a quelle appena fatte per il quadro BL.

06 - LO SPESOMETRO IN FORMA ANALITICA

Nello spesometro in forma analitica, sono ammessi i quadri: BL, FE, FR, NE, NR, DF, FN, SE, TU.

  • Per i quadri FE, FR, NE, NR, valgono le stesse considerazioni fatte per il quadro FA. Ovviamente, cambia l’esposizione dei dati (analitica, anziché aggregata).

  • Per il quadro DF, valgono le stesse considerazioni fatte per il quadro SA.

  • Per i quadri FN, SE, valgono considerazioni analoghe a quelle fatte per il quadro BL.

07 - LA STAMPA MINISTERIALE DELLO SPESOMETRO

Poiché lo spesometro può comporsi da molte pagine (anche oltre 200), non è possibile stamparlo tutto insieme:

  • Occorre stampare prima il frontespizio cliccando sul pulsante STAMPA FRONTESPIZIO;

  • E poi, uno ad uno, gli altri quadri. Ad esempio, per stampare il quadro FA, basterà entrare nella sezione FA, e cliccare sul pulsante STAMPA MINISTERIALE HD.

 

In alternativa, è possibile effettuare la stampa ministeriale dotandosi di un software in grado di convertire il file telematico generato in modello ministeriale.
Tra i software in grado di effettuare questa conversione, segnaliamo i seguenti:

  • CT TELEMATICI: software alternativo ad ENTRATEL per la gestione delle forniture telematiche. Il programma non è scaricabile da internet, ma è possibile contattare il produttore per richiedere il CD con la versione DEMO;

  • TELEMAGO: legge 'in chiaro' i contenuti dei files telematici. In qualsiasi momento, permette di rivedere o ristampare le dichiarazioni e le comunicazioni inviate.

08 - FAQ

Se nella trattazione fornita non hai trovato le risposte che cercavi, puoi consultare le FAQ.
Ti consigliamo di leggere quelle più “gettonate”:

  • 01.05 - la completezza dei dati anagrafici dell’azienda che deve trasmettere la comunicazione;

  • 02.02, 02.04 - le schede carburante;

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu